Come liberare spazio su disco in Windows 10

(Tempo di lettura 6 minuti)

Nonostante i moderni hard disk, compresi i velocissimi SSD, siano sempre più capiente, purtroppo lo spazio su disco sembra non bastare mai. Inoltre, Windows 10 ha la spiacevole tendenza ad occupare spazio con file tendenzialmente inutili, come file temporanei, cache, log, cronologie di aggiornamento e altro, specialmente nel disco di sistema, tipicamente il drive C:\.

In questo articolo vedremo alcuni semplici metodi per liberare un po’ di spazio sul nostro PC con Windows 10.

Pulizia disco

Il primo metodo consiste nell’utilizzare lo strumento “Pulizia disco” di Windows 10. Per attuare questo primo metodo procedere come segue:

  • Andate su “Computer”, quindi selezionate il disco che volete pulire (io ho scelto il C:\)
  • Cliccate sul disco C:\ con il tasto destro del mouse e selezionate “Proprietà”
Pulizia Disco Windows 10

Selezionate quindi “Pulizia disco”. Si aprirà per breve tempo una finestra in cui il sistema analizza la quantità di spazio che è possibile recuperare:

Dopo un periodo di tempo (di solito breve) vi troverete di fronte a questa finestra, dove potrete selezionare gli elementi che desiderate rimuovere.

Selezionate quelli che desiderate rimuovere (io ho scelto di rimuovere tutto) e quindi cliccate su “Pulizia file di sistema” per scegliere ulteriori file da eliminare.

Cliccando su “Pulizia file di sistema” potrete operare un’ulteriore scelta, e questa volta si tratta di file di sistema particolarmente corposi, che tuttavia è possibile eliminare senza alcun problema liberando, come nel mio caso, una notevole quantità di spazio.

Nel mio caso, la postazione sulla quale ho attuato la procedura non era stata “ripulita” da parecchio tempo, con il risultato che si sono accumulate notevoli quantità di file, come quelli di Windows Update, che adesso posso tranquillamente rimuovere.

Spuntiamo le voci che vogliamo eliminare, clicchiamo quindi su “OK” e procediamo. Il sistema ci avvisa che è in corso la rimozione dei file non necessari.

Dopo un tempo variabile, a seconda della quantità di dati da rimuovere, avremo finito e il nostro PC avrà ottenuto una discreta quantità di spazio in più.

Disinstallare i programmi non necessari

Un altro sistema per risparmiare spazio su disco è rimuovere i software non necessari: è molto probabile infatti che, con il trascorrere del tempo, il nostro PC si sia riempito di software che non usiamo più e ai quali possiamo rinunciare.

Per procedere con la disinstallazione andiamo sul Pannello di Controllo e scegliamo, a seconda della modalità di visualizzazione impostata, la voce “Disinstalla un programma” oppure “Programmi e Funzionalità”.


In un caso o nell’altro si aprirà una finestra con un elenco più o meno lungo di programmi installati, tra i quali possiamo scegliere quelli che vogliamo eventualmente rimuovere.

Hai bisogno di un sistema di backup efficiente e sicuro?

Scopri cosa possiamo fare per te.

Svuotare la cache e i file temporanei delle applicazioni

Molte applicazioni di terze parti che utilizziamo quotidianamente sui nostri pc, tra cui soprattutto i browser come Google Chrome o Microsoft Edge, utilizzano per il loro funzionamento una grande quantità di file temporanei, che possono in breve tempo arrivare a dimensioni ragguardevoli.

Diciamo intanto che la cache del browser è uno strumento utile che ci consente una maggiore velocità nella navigazione, ma di tanto in tanto è bene cancellarla, non solo per fare un po’ di spazio.

Le procedure variano da un browser all’altro, vediamo qui come fare a svuotare la cache di Google Chrome, Microsoft Edge e Mozilla Firefox, che sono i browser più utilizzati su Windows.

Per Google Chrome: in alto a destra cliccate sui tre puntini in verticale, quindi scegliete “Cronologia” e di nuovo “Cronologia” in modo da aprire la finestra dalla quale potrete vedere il dettaglio delle vostre sessioni di navigazione (in alternativa potete premere la combinazione di tasti Ctrl + H e ottenere lo stesso risultato).

Dalla finestra che appare scegliete “Cancella dati di navigazione”

Dalla finestra “Avanzate” flaggate tutte le voci TRANNE quella relativa alle password salvate (le password salvate sicuramente vorrete mantenerle) e dal menù a tendina selezionate “Dall’inizio”.

Premuto “Cancella dati” dopo qualche secondo troverete probabilmente un giga o più di spazio libero su disco.

Per Microsoft Edge: in alto a destra cliccate sui tre puntini in orizzontale, quindi scegliete “Impostazioni” e poi “Privacy, ricerca e servizi”. Anche in questo caso il browser vi permetterà di scegliere cosa eliminare.

Anche in questo caso il suggerimento è di selezionare tutto TRANNE la voce relativa alle password e di scegliere dal menù a tendina di cancellare “tutto”, ovvero dall’inizio.

Per Mozilla Firefox: su Firefox vi basterà cliccare nel menù in alto (se attivo) o nel menù in alto a destra e scegliere “Cronologia”, quindi “Cancella la cronologia recente…”.

Anche in questo caso potete scegliere cosa cancellare, e come sempre vi suggeriamo di scegliere tutto (tranne eventuali voci contenenti le password salvate).

Per cancellare anche i registri e i file temporanei di applicazioni di terze parti esistono anche degli appositi tools, conosciuti come “ottimizzatori”. Noi non ci fidiamo molto di questi tools: li reputiamo troppo invasivi e preferiamo di gran lunga effettuare a mano la pulizia del sistema, tuttavia tra tutti i numerosi software del genere che si trovano in rete vi suggeriamo, se proprio non vi va di effettuare a mano la pulizia del sistema, di utilizzare CClenar.

Hai bisogno di rafforzare la sicurezza informatica della tua azienda?

Scopri cosa possiamo fare per te.

Utilizzare la funzione di Windows “Storage Sense”

A differenza di “Pulizia disco”, presente anche nelle versioni precedenti, Storage Sense è stata introdotta con Windows 10, e risulta nel complesso poco usate e poco conosciuta, ma può essere decisamente utile.

In pratica è una funzione che, se abilitata, permette a Windows di rimuovere periodicamente file temporanei non necessari, anziché rimuoverli a mano da “Pulizia disco”.

Per attivare/disattivare la funzione Storage Sense andate in “Impostazioni” -> “Sistema” -> “Archiviazione”.

Come potete vedere nel mio sistema la voce è disattivata (preferisco sempre operare manualmente) e dalla schermata posso vedere come è ripartito lo spazio sul mio drive: come vediamo ci sono ben 14 GB di file temporaneo che possono essere tranquillamente rimossi.

Cliccando sulla voce avremo i dettagli e come possiamo vedere ben 9,76 GB sono installazioni di Windows precedenti, ovvero si tratta di versione vecchie di Windows sostituite dagli aggiornamenti. Windows tiene conservati questi file per dare all’utente la possibilità di effettuare un rollback (o ripristino) nel caso in cui qualche aggiornamento dovesse dare problemi. Tuttavia, come nel mio caso, se gli aggiornamenti sono stati fatti già da diverse settimane o più e il sistema è stabile, potete selezionare e cancellare tutto senza paura.

Potete anche scegliere di attivare la funzione Storage Sense per fargli fare il lavoro di pulizia automaticamente, oppure lasciatela disattivata (come faccio io) per operare a mano quando lo ritenete opportuno.

Vorresti proteggere efficacemente i computer e i dati della tua azienda?

Scopri cosa possiamo fare per te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su